Reglass e i materiali compositiReglass e i materiali compositi

Da oltre 40 anni Reglass fa ricerca nei suoi laboratori, collaborando con le più importanti Università, per studiare e realizzare nuovi materiali compositi da impiegare in settori tecnologicamente molto avanzati come l’aerospazio. Tra le altre, degna di nota la sua partecipazione a Juice la missione Esa per l’esplorazione delle lune di Giove. L’azienda ha costruito, in composito di fibra di carbonio, proprio per questa missione, parti dell’antenna satellitare progettata da Thales Alenia Space Italia – joint venture Thales Leonardo.

Dall’aerospazio alla sismica: tutti i settori di attività

Ma le applicazioni dei materiali compositi non si fermano qui e riguardano anche la produzione di manufatti tubolari realizzati con tecnologie esclusive per l’industria manifatturiera, in ambito sportivo e anche nel settore della sismica in particolare per la messa in sicurezza delle strutture produttive. E si estende a tutti i comparti dove l’innovazione è un elemento strategico di successo.

Reglass aderisce ad Assocompositi

La società, ha di recente aderito, per avere ulteriori e interessanti opportunità di scambio scientifico e per perfezionare e migliorare le sue applicazioni nel campo dei materiali compositi, ad Assocompositi, associazione di riferimento del settore in Italia. Ecco il benvenuto a Reglass sul magazine.

Con oltre 70 soci l’Associazione svolge attività di promozione della cultura dei compositi, di tutela del mercato e di rapporti con le istituzioni, offrendo loro competenze e servizi tecnico scientifici e normativi; attività promozionali; studi di settore e report prezzi; documenti tecnici e atti di conferenze; partecipazione a bandi e progetti; tavoli di lavoro; certificazione green per i compositi; formazione e contatti tra aziende. Opera in stretto collegamento con le Associazioni europee attraverso alla sua adesione a EuCIA e FEMS.